E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.
E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.

Itinerari Liguria, la mitica Cipressa

Le grasse onde del Mare di gennaio si infrangono sulle pietre della riviera ligure di ponente. Quando si ritirano per poi riprendere a battere trascinano con sé le pietre rotolanti il cui suono si unisce simbolicamente alla musica dell’acqua. Ad ogni rintocco rotolando si modellano sotto il progetto artistico dello scultore di Dio: il mare.

Oggi ci aspetta la famosa salita della Cipressa lunga circa 5,6 km che inizia in località San Lorenzo a Mare, a pochi metri da dove parte la ciclabile ricavata sull’antico percorso della ferrovia. Realizzata a regola d’arte, è stata percorsa anche dai professionisti durante la tappa a cronometro a squadre del Giro d’Italia ed. 2015.

Giungendo da Imperia, si lascia l’Aurelia svoltando a destra, la freccia blu ce lo indica chiaramente. La strada sale subito e io mi alzo sui pedali e ci rimango più tempo che posso. Non riesco a farne a meno, appena la strada inizia ad inclinarsi e puntare verso l’alto automaticamente mi alzo, mi alzo sui pedali e vado.

La strada è larga, l’asfalto liscio è tappezzato di incoraggiamenti, di auguri, di incitazioni rivolte ai Campioni della Milano – Sanremo e del Giro d’Italia. Si sale una curva dopo l’altra, un tornante dopo l’altro. Sotto di noi superiamo l’autostrada Genova -Ventimiglia e poi giungiamo al bivio per Lingueglietta dove giriamo a sinistra per superare l’ennesimo tornante.

Giungiamo in località Costarainera e dopo poche centinaia di metri siamo a Cipressa. Si incontra un semaforo messo per facilitare il passaggio per una strettoia, dovuta a manufatti architettonici di antica costruzione. Passato tale punto, poco dopo ci si lancia in discesa.

Con le mani posizionate sulla parte bassa del manubrio e con le dita indice e medio a sfiorare le leve dei freni, tornante dopo tornante si scende di quota, l’asfalto è ottimo ma non ci precipitiamo a valle in quanto il manto in alcuni punti è bagnato e vi sono foglie cadute a rendere pericoloso il tratto.

Giunti a valle guardiamo a sinistra per evitare eventuali ostacoli prima di rientrare in Aurelia in direzione Sanremo. Buona parte della salita offre uno spettacolare panorama vista mare, così come la discesa. I vostri occhi nutriranno il cuore d’amore per tutto il percorso pensando anche a quanti campioni del ciclismo hanno percorso quella strada per giungere poi al traguardo di Sanremo.

La prima edizione della Milano-Sanremo infatti risale al 1907 e da diversi anni è diventata per tutti “la Classicissima“; la classica di un giorno più importante della stagione agonistica italiana.

Furono 33 i partenti alla prima edizione che venne vinta dal francese LucienPetit-Breton della Bianchi alla media di 26 km/h. Negli anni successivi toccò poi a Girardengo, Guerra, Binda, BartaliCoppi, Adorni, Merckx, Zabel.

L’edizione numero 100 fu vinta da Mark Cavendish e l’edizione 2015 dal tedesco John Degenkolb. La salita della Cipressa, in realtà è stata inserita nel percorso dal 1982 e in questi quasi 34 anni ha saputo dare lustro a molti corridori di spessore internazionale. L’edizione 2018 è stata dominata e vinta da Vincenzo Nibali.

Ad Imperia per rifocillarvi, vi consiglio il ristorante pizzeria “La Piazzetta” proprio sul porto, prezzi buoni e cibo ottimo e abbondante. Nei pressi di Riva Ligure suggerisco il ristorante pizzeria da “Leandro” dove potete mangiare buone pizze e ottimi piatti tra cui le “Rostelle“, ovvero, gli arrosticini.
Come alloggio vi suggerisco il Best Western Hotel Anthurium a Santo Stefano Al Mare.

Condividi