DONNA, ecco tuo figlio

Da una donna si è manifestato il peccato universale, da una donna si è avviata la remissione di tutti i peccati. Eva ha partecipato alla generazione, Maria alla rigenerazione.

Il peccato di Eva ha portato con sé dolore, il grembo di Maria ha colmato di grazia il mondo.

Eva con il peccato e l’incredulità ha prodotto un nodo che Maria, con l’obbedienza e la fede, ha sciolto.

Una donna ha tenuto in grembo Dio, una donna l’ha cresciuto, una donna l’ha visto condannare da innocente, una donna l’ha visto morire e resuscitare.

Maria e le altre erano ai piedi della croce in silenzio, donne sono andate al sepolcro e l’hanno trovato vuoto. Donne l’hanno cosparso di unguenti profumati, gli hanno lavato i piedi con le lacrime e asciugati con i capelli.

Il ruolo della donna nei Vangeli è di fondamentale importanza, la stessa Chiesa è donna, affermare il contrario vuol dire negare i testi fondamentali del cristianesimo, rinnegare la propria fede.

La donna tiene in grembo, la donna partorisce, la donna riscalda, la donna può distruggere e rinnegare ciò che ha contribuito a mettere al mondo.

Il ruolo della donna e fondamentale in tutta la storia dell’umanità ma molte non l’hanno mai compreso.

Madre e padre donano vita e amore, danno inizio ad una storia umana, decidono il battesimo per i loro figli.

Madre e figlio rimangono uniti in eterno dal cordone ombelicale. La madre perdona, difende sempre la sua prole anche con azioni apparentemente contrarie. Una madre protegge anche quando fa arrestare il proprio figlio, ama anche quando lo denuncia.

La madre Compatisce, patisce assieme al figlio, comprende, bene-dice la propria creatura ogni giorno.

La donna deve essere Donna e l’uomo, uomo. Non sono ruoli intercambiabili per loro stessa natura, per DNA.

perché la donna nei popoli, occupa un posto molto meno importante rispetto all’uomo? Chiunque può dire che è ingiusto, ma a me non basta, vorrei tanto conoscere il motivo di questa grande ingiustizia!…“Le donne…sono soldati…che lottano e soffrono per la sopravvivenza dell’umanità molto più di tanti eroi che non sanno fare altro che vantarsi.” (Anne Frank)

Condividi