Raccontare storie di luoghi e persone, viaggi in solitaria e di gruppo, speranze, sogni, attese soddisfazioni e delusioni.

Bassano del Grappa, pedibus

Come è bella Bassano del Grappa in ogni stagione? Bellissima e molti lo sanno, basta guardare i parcheggi sempre esauriti nel fine settimana. E la gente in piazza e lungo le strade? Tanta proprio tanta.

Ho percorso un piccolo tragitto di circa sei chilometri tra le mura antiche, la via dei martiri, i mercatini natalizi, il villaggio di babbo Natale, il Ponte degli Alpini completamente puntellato e in ristrutturazione.

E poi lungo il fiume Brenta per ammirarne i colori, ascoltare il rumore della sua acqua che scorre verso valle. I colori dell’inverno, del sole al tramonto, la rendono prima gialla poi rosa, poi arancio sino ad arrivare al blu notte.

Quanti buoni prodotti artigianali si possono gustare strada facendo. In lontananza i canti di Natale di un coro femminile, le luci che proiettano sagome sui muri delle case.

Bassano la storica, Bassano la sportiva, Bassano la moderna; tante facce di un’unica città patrimonio italiano.

Spesso è stata sede di tappa del Giro d’Italia e nel 2020 ospiterà anche i campionati italiani di ciclismo professionistico.

E’ un vero capolavoro tra natura, vedi anche il suo splendido Monte, e edilizia.

Condividi