E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.
E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.
Zero slr Astana

Wilier Triestina, straniera? No

Wilier Triestina, un azienda che nel 2019 ha fatturato 45 milioni di euro, con 1,7 milioni di utile netto e un primo semestre 2020 più che positivo nonostante il Covid-19, ha fatto entrare capitali stranieri.

Non è affatto un’azienda straniera, è tutt’oggi in mano ai fratelli Gastaldello e il marchio è sempre verde, bianco e rosso.

Ben diversa la loro situazione rispetto a Colnago, venduta agli arabi, o a Pinarello che detiene circa il 20% e che da solo non può decidere nulla.

Molti dicono che le biciclette sono tutte uguali: è falso.

In cosa consite la differenza tra una bici e l’altra della stessa fascia?

Sono tanti i marchi famosi, Wilier Triestina, Specialized, Bianchi, Trek, Colnago, Bottecchia, Merida, Cervelo ecc., le differenze dove sono? Quante sono?

Nella sostanza una casa produttrice di bici realizza un telaio e assembla bici con gruppi e accessori prodotti da altri.

I freni, cambi, ruote, e le guarniture montate sono prevalentemente di Shimano, Campagnolo, Miche, Fulcrum, Zipp, Mavic ecc.

Secondo me sta nella risorsa umana.

Nei progettisti che studiano e disegnano i telai, nei meccanici che assemblano il tutto, nei settori promozione, vendita e assistenza.

In coloro che curano profili, grafiche e colorazioni.

La differenza la fanno le persone che con cuore e anima lavorano attorno al prodotto finito e lo rendono unico, e le persone che lo vendono e che si relazionano con il cliente finale.

E poi c’è il nome, il marchio e la nazionalità del prodotto.

Un marchio italiano è sempre stato garanzia di qualità indiscussa da almeno 100 anni.

In Wilier Triestina la qualità del prodotto è preservata, l’assistenza anche, l’unico rammarico consiste di non riuscire a produrre tutte le biciclette richieste.

Gli ordini sono veramente tanti.

L’azienda dei fratelli Gastaldello ha ceduto una quota di minoranza pari a circa il 30% al fondo Svizzero Canadese Pamoja Capital di John McHall, MacBain.

La manovra era necessaria? Evidentemente così hanno ritenuto i proprietari di Rossano Veneto.

E i Wilieristi cosa ne pensano?

Per quanto mi riguarda una lacrima l’ho fatta, un punto di forza che ho sempre acclamato e sbandierato è stato proprio la italianità del marchio.

Da Rossano Veneto mi hanno rassicurato, la lacrima è diventata sorriso e, soprattutto, pedalate.

Condividi