E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.
E' un luogo di informazione sportiva, sociale, emozionale. Raccontare storie di persone, atleti, grandi imprese, trionfi e delusioni, è la nostra mission. Facciamo informazione, produciamo confronti ideologici.
Fabio Aru

Fabio Aru a RaiSport, Vini Zabù?

Non è una questione economica, ma di progetto e di programmazione” ha detto Fabio Aru al microfono di Rai Sport, “deve esserci un cambiamento. A livello economico il ciclismo ha risentito parecchio di questa situazione. Mi sono voluto prendere tutto il tempo necessario. Io mi sono sempre allenato, sono sempre andato in bicicletta. Mi sono sempre tenuto in forma e non manca tanto, a giorni si saprà qualcosa in più. Vini Zabù? Non mi espongo, si verrà a sapere nei prossimi giorni“.

Che nomini la Vini Zabù è un dato di fatto, ma dovremmo attendere per le conferme.

Dalle sue parole si evince che tornerà presto a gareggiare, quello che cerca è una squadra che gli permetta di correre al Giro d’Italia.

Le cose sono andate un po’ così in questi ultimi anni. Cosa non rifarei? Non ascolterei tante persone che ho ascoltato: quando fai dei buoni risultati tutti ti vogliono dare dei consigli e bisogna ascoltarne solo alcuni. Quando vinci hai 20-30 cugini, 10 fratelli, genitori dappertutto e invece quando le cose non vanno benissimo tanti ti voltano le spalle, ti criticano, ma così è la vita“.

E’ vero ciò che dici Fabio, ma lo è altrettanto il fatto che chi sborsa 2,6 milioni di euro ha il diritto di lamentarsi. Ha facoltà di esprimere il suo rammarico. E’ normale che quando uno vince finisce sul podio, lo è tanto quanto il rimanere fuori se non si arriva tra i primi tre.

Il Giro d’Italia

Aru vuole il Giro questa è una costante nei suoi progetti e può essere una discriminante per i team che lo vogliono.

Come ben sappiamo le professional partecipano su invito di RCS e, stando al regolamento attuale, i posti a disposizione sono sempre meno.

Tutto si sta evolvendo, sulla stagione 2021 non vi è alcuna certezza, tra gli avversari ce n’è uno difficile da combattere: il covid-19.

Condividi