Raccontare storie di luoghi e persone, viaggi in solitaria e di gruppo, speranze, sogni, attese soddisfazioni e delusioni.

Le città da campione d’Italia

Domani, 21 agosto, inizieranno i campionati di ciclismo su strada Uomini e Donne Elite con le rispettive gare a cronometro.

Si concluderanno domenica 23 con la gara su strada uomini OPEN.

La prima ragazza partirà alle 16.30 di venerdì pomeriggio, il primo uomo alle 18.30 dello stesso giorno.

Domenica mattina inizieranno a far girare le ruote alle ore 10,30 con la passerella cittadina. Il via scatterà al km 0 alle ore 10,45.

Sia nella giornata di sabato che la domenica mattina, gli organizzatori hanno previsto diverse attività rivolte soprattutto ai giovani.

Questa edizione del Campionato italiano di Ciclismo 2020 #CI2020, come dice il loro sito, “nasce dalla profonda sinergia tra la Regione del Veneto e un team che ha la bicicletta nel Dna: Filippo Pozzato, ex ciclista professionista; Jonny Moletta di Jonny Mole Design; Gaetano Lunardon del ristorante La Rosina“.

Le competizioni partiranno tutte dalla splendida città di Bassano del Grappa (Vi), sita ai piedi del Monte Grappa.

Il traguardo è posto a Cittadella, in provincia di Padova. Non sono le sole due città venete di estrema bellezza toccate dalla corsa. Tutta la carovana passerà, infatti, anche per Marostica, Asolo e Rosà.

Gli atleti affronteranno per ben 12 volte la salita della Rosina, molto famosa tra i numerosissimi amatori di queste zone.

Una rampa molto bella a livello paesaggistico e ciclabile, certo per tali campioni non è un grande ostacolo anche se, facendola così tante volte e a velocità sostenuta, potrebbe rimanere sulle gambe a molta gente.

La corsa passerà a poche decine di metri dalla fabbrica delle biciclette Wilier Triestina, sita in Rossano Veneto.

Una azienda italiana che ha fornito i suoi prodotti ad atleti di spicco come Marco Pantani, Alessandro Ballan, Damiano Cunego, Gilberto Simoni, solo per citarne alcuni. Quest’anno è la bicicletta dell’Astana Proteam che ha vinto il Giro di Lombardia, con Jakob Fuglsang, e il Giro dell’Emilia con Aleksandr Vlasov.

Città fantastiche che tutti dovrebbero visitare almeno una volta nella vita.

Bassano del Grappa con le sue piazze e il famoso Ponte degli Alpini; Cittadella con le sue mura ottimamente conservate; Asolo, arroccata su un colle, è veramente una perla patrimonio italiano. E Marostica, la città fortificata, con le sue mura perfette, le sue torri e la piazza con la scacchiera.

Da queste parti ci si può immergere nella natura rimanendo sempre a contatto con la storia, l’arte e la cultura passata e presente.

In bicicletta si può salire al santuario in cima al Grappa da vari versanti, si può raggiungere l’altipiano di Asiago, si possono fare mille percorsi per ogni gusto e difficoltà.

Questa è terra di ciclismo, terra di campioni, terra pedemontana, la terra di Venezia.

Vi aspettiamo tutti!!!

Condividi