Raccontare storie di luoghi e persone, viaggi in solitaria e di gruppo, speranze, sogni, attese soddisfazioni e delusioni.

Potevamo crescere #2020evoluzione

Era il momento di cambiare, è il momento di cambiare ma ancora una volta, forse, abbiano perso la grande occasione.

In questi mesi abbiamo capito che le visite fiscali fatte ai lavoratori non servono a nulla, costano una bella cifra e non portano granché.

Cosa ci importa se il signor o la signora X sono in casa nella fascia oraria tal dei tali?

Quello che conta è che siano veramente malati e che non prendano in giro il paese.

Come verificarlo? Non con la visita fiscale, chi è veramente malato lo è in casa e all’aperto.

Lo possiamo fare andando alla fonte, controllando il medico che sottoscrive il certificato di malattia.

Se il certificato è veritiero, se formalizza una situazione seria, reale, a nulla serve la visita fiscale postuma.

Se, invece, quel certificato viene rilasciato sulla fiducia, senza una visita, senza leggere le carte, allora si devono prendere provvedimenti prima nei confronti del medico e poi del presunto paziente.

In questa maniera si risparmia, lo Stato risparmia e quindi anche noi.

I medici di famiglia potrebbero lamentarsi a torto.

Oggi come oggi il loro guadagno non è basato sul lavoro svolto ma sugli assistiti iscritti.

Anche qui si dovrebbe agire con una legge anti lobby.

Bisognerebbe assumere più medici di famiglia, dare loro un numero inferiore di assistiti, garantire una base di stipendio e il resto solo sulle prestazioni effettivamente svolte.

Visiti un paziente? Tot euro. Fai una iniezione tot euro. Fai ciò che non serve? Sanzione. Controllando però che non si facciano prestazioni tanto per fare cassa.

Un certificato di malattia va fatto se c’è la patologia e quando il medico l’ha riconosciuta.

Non vogliamo mica fare come le commissioni mediche che assegnano pensioni di invalidità a chi non ne ha affatto diritto?

Questi medici vanno radiati dall’ordine, ma questa è un’altra storia.

Possiamo migliorare all’infinito, il problema è che non lo di vuole fare…

Finché sono le lobby a dettare le regole saremo sempre con il culo a terra.

Ho tante altre leggi da promuovere, seguitemi.

Condividi