Ecco

Ecco, di Niccolò Fabi

Ecco è il titolo di un vero capolavoro, un brano che da il titolo al suo settimo album pubblicato il 9 ottobre 2012.

Una canzone straziante e al tempo stesso piena di desideri e volontà. Un impegno, una promessa, un desiderio, “non ti lascerò mai andare” è il grido di Niccolò Fabi rivolto a “Lulù“, così avevano soprannominato la piccola figlia Olivia, deceduta il 3 luglio 2010 a soli 22 mesi di vita.

Tutto torna all’indietro, i cocci di vetro ritornano bicchiere, la barca persa nella tempesta ritorna salva nel porto, la freccia scagliata ritorna nell’arco.

La memoria ancor più che il ricordo, anzi, un memoriale, inteso in chiave religiosa, piuttosto che memoria è ciò che promette Fabi alla sua piccola.

Non mi dimenticherò mai di te, le promette. Non ti lascerò mai andare, non ti lascerò mai sparire, non mi dimenticherò mai di te che sarai sempre parte di me.

La musica da tranquilla, malinconica va crescendo per terminare con una potenza inaudita. Come il canto, che da pacato diventa a mano a mano un urlo disperato, così la sua promessa si fa dichiarazione d’amore.

Non ti lascerò mai sparire!

Con questo canto sarà sempre così! Non sparirà nemneno dai cuori di tutti noi che ascoltiamo questo brano decine di volte.

(Memoriale indica, nella liturgia ebraica e cristiana, l’atto liturgico di far memoria di un avvenimento importante della storia della salvezza. Tale memoria è ritenuta attualizzante: il fatto ricordato è reso presente, e i suoi frutti resi disponibili ai presenti).

Ecco (testo)

I pezzi di vetro sparsi per terra
Tornano di nuovo vicini

Risalgono l’aria sullo scaffale
Riappare un bicchiere

Ecco

La barca persa nella tempesta
Ha eliche che girano al contrario
Naviga indietro nella sua scia
E torna salva nel porto

Ecco

Io certo non ti lascerò mai andare
Ecco
Di certo non ti lascerò sparire

Ecco, ecco

Una freccia piantata in un ramo
Esce piano dalla corteccia
E compie il suo tragitto al contrario
E ritorna al suo arco

Ecco

L’uomo vecchio con le sue rughe
Sta aspettando le ultime ore
E un attimo prima di chiudere gli occhi
Sente di nuovo un vagito

Ecco

Io certo non ti lascerò mai andare
Ecco
Di certo non ti lascerò sparire
Ecco

Io certo non ti lascerò mai andare, no
Di certo non ti lascerò sparire, no

Il video

Gli altri brani dell’album

  1. Una buona idea – 3:51 (Niccolò Fabi, Stefano Diana)
  2. Io – 4:14
  3. I cerchi di gesso – 3:48
  4. Indipendente – 4:21
  5. Elementare – 5:54
  6. Le cose che non abbiamo detto – 4:29
  7. Sedici modi di dire verde – 4:31
  8. Lontano da me – 4:53
  9. Verosimile – 4:53
  10. Indie – 1:45
  11. Ecco – 6:00