Quando la terra è posta, è tempo di pregare accanto a te Giulia – 8 dicembre 2023

Giulia Cecchettin
Share News
66 / 100

Giulia! Il clamore mediatico necessario, dovuto, importante per piantare semi di speranza nei cuori dell’umanità si è acquietato dopo la sepoltura del tuo giovane corpo.

In questo giorno di festa per noi Cristiani, questo giorno in cui si celebra la nostra Mamma, ho sentito la necessità di venire con mia moglie in silenzio ad incontrarti.

È una giornata fredda, umida e grigia ma solo nel cielo e nell’aria che ci circonda perché, varcando la porta del campo santo, ho capito che il sole splende ancora sopra le nuvole.

A salutarti, avrai certamente visto, è venuta tantissima gente, una processione silenziosa e continua. Quante preghiere, tutte per te e la tua famiglia, continuiamo a dire anche salendo in macchina per andare.

Mentre ti guardavo negli occhi, il tuo volto è scolpito nella mia mente, ripercorrevo tutti questi giorni e, contemporaneamente ho osservato i volti di chi mi stava a fianco.

Tante lacrime sincere, Giulia. Ti ha ucciso, sei morta per questo mondo, ma come Gesù stai dando vita, speranza e forza a tutti noi che lottiamo, che raccontiamo, la tragedia umana.

Non dobbiamo mai piegarci, mai voltare le spalle davanti alle atroci ingiustizie che l’uomo pratica quotidianamente.

Grazie Giulia, grazie di averci regalato il tuo sorriso.

Gino, Elena, Davide, con voi Giulia ha trascorso soli 22 anni. Il tempo è relativo, è un nostro calcolo terreno.

Giulia ci ha donato, anche a noi che la conosciamo da meno di un mese, l’eternità.

Da un quasi compaesano della nonna paterna, scrivo da Rovigo, un abbraccio forte.

Scusaci, scusaci tutti, come è scritto su quel biglietto, scusaci tutti per non averti salvato. ❤️

Ti prometto che, se mi troverò nelle condizioni di poter intervenire, non mancherò di farlo, a qualunque costo.

66 / 100