Vittoria MEZCAL Graphene 2.0 da 35 mm, primi km prime impressioni

Vittoria MEZCAL Graphene 2.0 da 35 mm, primi km prime impressioni
Share News
76 / 100

Mezcal Vittoria 35 mm

Istallati perfettamente da Cycle Sport 4.0 di Rovigo oggi, i MEZCAL Vittoria hanno rotolato per la prima volta assieme alle mie ruote in carbonio.

Ho avuto subito un ottima senzazione, su asfalto si percepisce la morbidezza offerta dalla mescola del battistrada.

Su asfalto scorrono benissimo, si può fare velocità in sicurezza perché garantiscono una tenuta ottima anche sul bagnato viscido causato dalla nebbia.

Ho fatto lunghi tratti con questo tipo di condizione e non hanno mai slittato.

Li ho provati su ghiaino affondante, si infilano tra i sassi mantenendo la tenuta e rendendo semplice rimanere in equilibrio.

Su sterrato misto, terra e ghiaino non spinto, hanno sempre mantenuto la bici in posizione, mai sbandato e mi hanno trasmesso sempre senzazione di sicurezza dandomi la possibilità di mantenere un alta velocità.

Ho fatto solo 64 km, come primo test, l’impressione è veramente positiva.

La prossima prova sarà testarlo sul fango e, per finire, farò quella di durata.

Non è sempre necessario un copertone largo, ovviamente dipende dal tipo di percorso, io preferisco mescole performanti e che riescono ad aderire bene in ogni circostanza.

La prima cosa che cerco da un copertone è la sicurezza la possibilità di evitare incidenti e cadute causate dalla poca tenuta a terra.

Con questo tipo di ruote si può viaggiare a velocità elevate su ogni terreno ma, probabilmente, non danno la possibilità di fare tantissimi chilometri

Vi saprò dire.

Un modo per farli durare di più, lo si fa già in ambito automobilistivo, sta nell’invertire i pneumatici.

Quando il battistrada del posteriore inizia a consumarsi lo si mette sul cerchio anteriore, che si usura nettamente meno.

In questa maniera si può prolungare la vita del pneumatico.

Vittoria MEZCAL Graphene 2.0, giudizio molto positivo

76 / 100