Chi siamo

Pensare al futuro mi fa un po’ paura e non dovrei averne, non dovremmo averne.

Il passato invece tenta di condurmi ad uno stato di angoscia, ci sono molti bei momenti da ricordare ma anche tanti lunghi periodi di sofferenza che a ripensarli si rinnovano.

Il quark temporale, quell’infinitesimo di esistenza che congiunge il futuro al passato e che chiamiamo impropriamente presente, quello sì che è fantastico, quello sì che mi affascina.

Quel preciso istante, questo preciso istante lo voglio vivere intensamente, al cento per cento. Non parlo certo di sballo, di imbottirmi di droghe o di alcool, nemmeno di salire in macchina e lanciarmi ai duecento all’ora per qualche piccola strada tortuosa. Questo non è vivere, è l’esatto opposto.

Vivere questi istanti al cento per cento per me è immergermi nel creato con consapevolezza. È amare quel momento e qualunque creatura che in quel quark di tempo mi appare. È assaporare, guardare con gli occhi dell’amore puro, l’Agape, che nulla chiede ma tutto da.

È gustare l’aria, la brezza, il sole e la pioggia, la quiete e la tempesta, l’acqua e il deserto, i prati e le foreste, tutto il creato, tutto ciò che Dio ha fatto e ha donato ad ognuno di noi a cominciare dalla nostra stessa vita.

Conservare i frutti del passato e lasciare a Dio le preoccupazioni per il futuro per vivere con amore il presente, questo mi propongo perché questo è ciò che ritengo importante.

Mi alzo sui pedali, guardo negli occhi la salita e non penso a quanto sarà dura, non penso a cosa accadrà dopo un istante o dopo un’ora, non penso nemmeno alle salite che ho già percorso e mi concentro per fare ancora un giro di pedali, un altro e un altro ancora.

Respiro l’aria e mi ci nutro, mi volto a destra, a sinistra, guardo avanti con gli occhi illuminati dall’amore per ciò che sto facendo e per tutto quello che mi circonda.

Sia il passato che il futuro, se ci lasciamo guidare da loro, se non li sappiamo domare, ci spingono alla resa e soprattutto ci distolgono dal presente.

Santa Teresina di Lisieux diceva che basta raccogliere uno spillo da terra con amore per salvare un’anima. La preghiera più importante che ci viene chiesta da Gesù non è quindi dire cento Ave Maria o altro, ma fare la Sua volontà per piacere a Dio e per Amore verso di Lui.

Qualunque azione, quindi, qualunque opera, qualunque cosa facciamo durante il giorno se la facciamo per amore di Dio è preghiera, è salvezza per le anime, è ciò che dona sapore alle cose più semplici, ritenute spesso inutili e alla nostra stessa vita.

Le storie che vi sto per raccontare sono realtà vissuta in prima persona e da fratelli e sorelle che il buon Dio ha voluto farci incrociare per la strada della vita.

Sono solo piccoli estratti, piccoli e brevi riassunti, dei quark, come si potrebbe mai narrare la storia di una vita umana in poche pagine?

E’ un nuovo progetto 2018…

Nasce con l’intento di raccontare storie di atleti prima ancora che cronache di competizioni;

viaggi in solitaria e di gruppo ancor prima che classifiche e premi;

speranze, sogni, attese soddisfazioni e delusioni,

tutte comunque edificanti per l’essere umano/atleta di ogni età.

Cosa ho fatto sino ad oggi? Ecco solo alcune cose

Nel 2007 ho vinto un concorso di fotografia subacquea.

Ho fornito materiale fotografico alla Polesine Films Commission

Il Sole 24ore ha utilizzato le mie foto per uno speciale dedicato al Parco Regionale del Delta del Po

Ho pubblicato molte foto sul sito Polesine Terra tra due fiumi e ne ho curato anche la grafica

Una mia foto è stata premiata nel 2017 da BICITV alla festa del ciclismo di Teleciclismo.

Ho concesso l’utilizzo di parte del mio materiale fotografico a Voci per la Libertà

Edisaimi ha richiesto ed ottenuto foto del Polesine per una pubblicazione dal titolo: Benvenuti a Rovigo e in Polesine

La cooperativa Deltablues ha chiesto ed ottenuto mie foto per pubblicizzare un loro evento

Ho concesso molte foto per la realizzazione del sito rovigotourism.com

Ho concesso foto al Gruppo di Azione Locale (GAL) Delta Po per il loro sito e materiale promozionale

Ho implementato e curo i seguenti blog e siti:

Antonio Mastropietro pittore e scultore (1948-1996)

Cyclesport.it

Come una goccia nel mare (sito non più attivo)

Ho Sete (sito non più attivo)

Ecco i nostri figli e l’omonimo libro (sito non più attivo)

Scubatrainer.net (sito non più attivo)

Condividi