Fausto Coppi

5 articoli

image_pdfimage_print

Tricolore, onore o vergogna?

Il Campionato Italiano su strada si corre sin dal 1885 quando, sulle strade tra Milano e Cremona, vinse Giuseppe Loretz. Non si corse nel 1894 e nel 1895 e poi dal 1897 al 1905. Dal 1906 si affrontarono i grandi del ciclismo sino al 1914, quando la grande guerra impose uno stop. Si riprese nel 1919 con la vittoria di Costante Girardengo che aveva vinto pure le edizioni del 1913, […]

Condividi

E dopo c’è l’arrivo, il Poggio

Lasciamo la ciclabile che va da San Lorenzo a Mare a Sanremo per affrontare la famosa salita del Poggio, ultima asperità della Milano-Sanremo. La percorro in senso opposto ai professionisti, loro giungono da Imperia, io da Menton. Secondo la segnaletica stradale sono 4 i km da percorrere, ma ci fidiamo poco viste le indicazioni sino ad ora incontrate. La imbocco, alleggerisco il rapporto e salgo scrutando tutto intorno il paesaggio. […]

Condividi

Gino e Fausto

Sotto l’albero di Natale ho trovato un nuovo libro dal titolo “Gino e Fausto – una storia italiana” scritto da Franco Quercioli – ediciclo editore. Me l’ha regalato una persona che mi conosce da quando ho visto per la prima volta la luce, mio fratello maggiore. Appena terminata la lettura di “In fuga” di Davide De Zan, mi sono tuffato a capofitto in questa opera scritta da un insegnante elementare […]

Condividi

Il Giro è Amore e businnes, passione e lavoro

Il Giro d’Italia è un brand, è un prodotto che costa e fa guadagnare. Non capisco chi dice che si va di qua e di la solo per soldi. Ragazzi! queste gare sono aziende che hanno dei costi e devono produrre utili. Sono vetrine per le aziende di biciclette, abbigliamento, integratori, auto, moto, computer e chi più ne ha più ne metta. Gli amatori non si comprano le bici dei campioni spendendo […]

Condividi

La mitica Cipressa

Le grasse onde del Mare di gennaio si infrangono sulle pietre della riviera ligure di ponente. Quando si ritirano per poi riprendere a battere trascinano con sé le pietre rotolanti il cui suono si unisce simbolicamente alla musica dell’acqua. Ad ogni rintocco rotolando si modellano sotto il progetto artistico dello scultore di Dio: il mare. Oggi ci aspetta la famosa salita della Cipressa lunga circa 5,6 km che inizia in […]

Condividi