Giro d’Italia

27 articoli

image_pdfimage_print

Ramato è Wilier, ora la NDR

Wilier Triestina, la casa di Rossano Veneto, aumenta l’offerta di prodotti contrassegnati dal colore “Ramato“. Il primo modello esce nel 1945 proprio quando viene accostato al marchio Wilier il nome della città giuliana. Si usciva dal secondo conflitto mondiale e vi era notevole apprensione per le sorti di Trieste. La “ramatura” consisteva in un particolare processo che imprimeva sui tubi d’acciaio particelle di rame per via Galvanica. Dopo anni di […]

Condividi

Agnese Romelli torna in corsa

La giovane ciclista di Clusone Agnese Romelli, vittima di un incidente in allenando con la sua bicicletta, ha vinto la battaglia, tornerà presto a correre. Agnese l’abbiamo vista tutti sorridere l’hanno scorso quando si è presentata alla partenza della corsa rosa in Israele. Tutti abbiamo gioito nel rivederla in piedi e sorridente a fianco di Elia Viviani e Tom Dumoulin. Da quel giorno il grande Elia Viviani è diventato il […]

Condividi

Gino e Fausto

Sotto l’albero di Natale ho trovato un nuovo libro dal titolo “Gino e Fausto – una storia italiana” scritto da Franco Quercioli – ediciclo editore. Me l’ha regalato una persona che mi conosce da quando ho visto per la prima volta la luce, mio fratello maggiore. Appena terminata la lettura di “In fuga” di Davide De Zan, mi sono tuffato a capofitto in questa opera scritta da un insegnante elementare […]

Condividi

Un team per Jacopo

È un gran peccato, veramente una nota triste del già provato ciclismo italiano, vedere Jacopo Mosca ancora senza squadra. Jacopo Mosca (Savigliano, 29 agosto1993) è professionista dal 2017 ed ha corso sino all’anno appena terminato indossando i colori del team Wilier Triestina-Selle Italia. Nel suo primo anno tra i prof ha vinto la settima tappa e la classifica generale del Tour of Hainan. Ha conquistato inoltre, la classifica degli scalatori al Tour de Korea. […]

Condividi

Era il 1994 – Marco Pantani, la mia prima volta

Era fine maggio del 1994 quando io e Caterina volavamo a nozze. Ci sposammo il 28 e il 29 partimmo per Creta dall’aeroporto Valerio Catullo di Verona. Al nostro ritorno, una settimana dopo, ci venne a prendere un suo zio che abita a Villafranca; era in estasi per l’impresa del giorno prima di un semisconosciuto gregario di Chiappucci. Ci parlava di Pantani, Marco Pantani che aveva battuto tutti il giorno […]

Condividi

E poi, e poi… Adriano De Zan

Chi non ricorda quel “E poi … e poi…” pronunciati dal grande cronista televisivo del ciclismo Adriano De Zan quando elencava i nomi dei ciclisti che superavano la linea del traguardo? Ho iniziato a seguire il questo sport che avevo appena sei anni, si mi piaceva il calcio come tutti ma mi interessava di più la bicicletta, quella con il manubrio ricurvo, quella da corsa. Forti in bici ci si […]

Condividi

SKY, fine di una splendida avventura

I manager di SKY hanno annunciato che il 2019 sarà l’ultimo anno di sponsorizzazione dell’omonimo team ciclistico.  Tra un anno si conclude quindi l’impegno ciclistico del main sponsor del team più costoso del ciclismo moderno. Sarà un doppio ritiro visto che anche la 21st Century Fox lascerà il team dal primo gennaio 2020. Il team continuerà a correre con un’altro nome sempre se un nuovo investitore deciderà di avventurarsi nel […]

Condividi

Prove di pavés

La Direct Energie in trasferta sulle strade della Parigi-Roubaix per testare il terreno e le Wilier Triestina CENTO10NDR in dotazione.  A seguire si effettueranno dei test anche alla Ronde-Vlaanderen, largo alle pietre per questo inizio di stagione.  Il team francese ha molte ambizioni per il 2019, tra cui il grande desiderio di partecipare al prossimo Giro d’Italia. Condividi

Condividi

Direct Energie al Giro102

Il Team francese mira ad ottenere una Wild Card per il prossimo Giro d’Italia. Il tecnico Dominique Arnould, in una intervista concessa a Cyclism’Actu dice: “E’ vero, ci siamo candidati ad una wild card. Ora stiamo aspettando una risposta definitiva. Abbiamo  23 corridori in organico, è normale per noi puntare a disputare due grandi giri. Oltre al Tour de France ci piacerebbe correre il Giro, altrimenti ci concentreremo di più […]

Condividi

Damiano Cunego, l’ultimo atto.

Damiano Cunego  (Verona, 19 settembre 1981) terminerà la sua lunga carriera da professionista con il Campionato Italiano del 30 giugno prossimo, è lui stesso a comunicarlo sui social: “Tour de Suisse; Adriatica Ionica; Campionato Italiano – Mi sto allenando per queste ultime gare, dopo di che, per quel che riguarda la performance ed il numero attaccato sulla schiena … è finita per davvero!!! E tempo di trasferire la mia grinta […]

Condividi

Wilier Perché?

Era solo una flebile voce colta lungo le strade del Giro d’Italia. Una voce nel deserto portata dal vento uscita dalle fauci di chi dovrebbe sapere il fatto suo. Ora però si sta rafforzando tanto che alcune testate giornalistiche del settore iniziano a parlarne. Come tutti sapete da agosto inizia il ciclo mercato e, tra le varie ipotesi di acquisti e vendite, si parla anche del cambio di main sponsor […]

Condividi

Froome: non doveva essere al giro. Chi lo dice?

” Ha fatto una cosa ‘alla Landis’… haha… Gesù!” da Eurosport.com  George Bennett  ” Sarebbe un disastro per l’immagine del ciclismo se arrivasse al Tour de France e corresse con il suo caso ancora aperto. Dal punto di vista legale ha il diritto di correre, ma per l’immagine dello sport sarebbe un disastro. I suoi risultati potrebbero influenzare la credibilità generale del ciclismo. Abbiamo bisogno di avere una decisione sul suo […]

Condividi

La maglia nera del Giro 101 è Giuseppe Fonzi: lungimirante

Giuseppe Fonzi, classe 1991, sa il fatto suo. A quasi 27 anni si sa destreggiare benissimo tra giornalisti, cameraman e pubblico. Ha ideato una sua icona, delle bandiere con il suo logo e ha un numeroso fan club. Ad ogni gara saluta il suo pubblico, si fa fotografare con sorrisi evidenti e naturali, è gentile e cordiale con tutti anche con i quattro zampe che incontra. La sua Maya è […]

Condividi

Aru? Non è il tracollo di un campione

Dopo la tappa dello Zoncolan 2018 non parlerei di tracollo per Fabio Aru semplicemente perché non ha mai dimostrato di essere in gran forma quest’anno; ha partecipato a poche competizioni dove è rimasto quasi nell’anonimato. Anche nel 2017 (Team Astana) non si annoverano trionfi e vittorie di prestigio, eccezion fatta per il campionato italiano e per un ottimo 5° posto al Tour de France (vinse una tappa). Non partecipò al Giro […]

Condividi

Giro d’Italia 1914, il più duro di sempre

Che giro quello della 6° edizione tenutasi nel giugno del 1914. In sole 8 tappe, coprirono i 3162 km previsti dagli organizzatori. E’ considerato ancora oggi il Giro più difficile di sempre e il primo in cui la classifica veniva calcolata sui tempi e non sui punti accumulati. Tutte le tappe contavano più di 300 km da pedalare: 1° Tappa Milano-Cuneo 420 km; 2° Tappa Cuneo-Lucca 340,5 km; 3° Tappa […]

Condividi

Assisi dedica un museo ai salvati e a Bartali

Il prossimo mercoledì 16 maggio, ad Assisi, verrà inaugurato il “Museo della memoria” nella nuova location presso i locali del Vescovado di Assisi- Santuario della Spogliazione. Proprio in questo luogo nel 1943 e 1944, l’allora Vescovo Giuseppe Placido Nicolini , vi stabilì il quartier generale di quell’organizzazione clandestina che, durante l’occupazione nazi-fascista salvò la vita ad almeno 300 ebrei. Il Museo inaugurato nel 2011 è una idea della curatrice Marina […]

Condividi

Wouter Weylandt (Mezzanego, 9 maggio 2011)

Esattamente 7 anni moriva sulle strade del Giro d’Italia il campione belga Wouter Weylandt  (Gand, 27 settembre 1984 – Mezzanego, 9 maggio 2011). Era la terza tappa del #Giro94 e si stava percorrendo la discesa del Passo del Bocco, tra Liguria ed Emilia Romagna, quando il velocista belga tocca con la pedivella il muretto di protezione e vola  a terra sbattendo violentemente il capo. Subito le condizioni apparvero gravi e […]

Condividi

Nasce la Fondazione Michele Scarponi

Pochi minuti fa, in quel di Filottrano si è ufficializzata la nascita della Fondazione Michele Scarponi. In occasione della festa di S. Michele, si è firmato davanti al notaio l’atto costitutivo della fondazione che ha quale principale intento: promuovere la sicurezza sulle strade con particolare attenzione verso i ciclisti. Voluta espressamente in primis dai genitori e dai fratelli del campione scomparso solo un’anno fa, il 22 aprile 2017,  sostenuta da migliaia […]

Condividi

Il Giro è Amore e businnes, passione e lavoro

Il Giro d’Italia è un brand, è un prodotto che costa e fa guadagnare. Non capisco chi dice che si va di qua e di la solo per soldi. Ragazzi! queste gare sono aziende che hanno dei costi e devono produrre utili. Sono vetrine per le aziende di biciclette, abbigliamento, integratori, auto, moto, computer e chi più ne ha più ne metta. Gli amatori non si comprano le bici dei campioni spendendo […]

Condividi