Tour de France

14 articoli

image_pdfimage_print

Lungo il fiume turchese

Il geologo Mario Tozzi, nel suo libro “L’Italia intatta” (Mondadori) ci fa presente che “ha la fama di fiume più naturale dell’intero continente europeo”, stiamo parlando del Tagliamento. E’ il più grande corso d’acqua del Friuli Venezia Giulia con i suoi 170 km di lunghezza ed un bacino di quasi 3000 km quadrati. Le sue acque, di colore verde/azzurro quasi turchese, regalano forti e indimenticabili emozioni a chi, con cuore […]

Condividi

Il mio monte ventoso

Mont Ventoux (Francia) Attraversata la frontiera Italia-Francia si giunge in Costa Azzurra. La si attraversa tutta, pagando profumatamente i tratti di autostrada a pedaggio fisso, e si prosegue in direzione Marsiglia. Dopo circa 300 km dal confine si giunge ad Avignone, la famosa città della Provenza sede del Palazzo dei Papi. Dormiamo qui presso l’hotel Bristol sito su una delle vie principali della città murata proprio all’interno del centro storico […]

Condividi

Gino e Fausto

Sotto l’albero di Natale ho trovato un nuovo libro dal titolo “Gino e Fausto – una storia italiana” scritto da Franco Quercioli – ediciclo editore. Me l’ha regalato una persona che mi conosce da quando ho visto per la prima volta la luce, mio fratello maggiore. Appena terminata la lettura di “In fuga” di Davide De Zan, mi sono tuffato a capofitto in questa opera scritta da un insegnante elementare […]

Condividi

“In Fuga” di Davide De Zan

Davide è giornalista e conduttore televisivo; ha “debuttato” su Telemontecarlo e ora lavora per Mediaset. Ha seguito per tanti anni, come inviato, il Giro d’Italia, il Tour de France, le Grandi Classiche e le Olimpiadi.

Condividi

E poi, e poi… Adriano De Zan

Chi non ricorda quel “E poi … e poi…” pronunciati dal grande cronista televisivo del ciclismo Adriano De Zan quando elencava i nomi dei ciclisti che superavano la linea del traguardo? Ho iniziato a seguire il questo sport che avevo appena sei anni, si mi piaceva il calcio come tutti ma mi interessava di più la bicicletta, quella con il manubrio ricurvo, quella da corsa. Forti in bici ci si […]

Condividi

SKY, fine di una splendida avventura

I manager di SKY hanno annunciato che il 2019 sarà l’ultimo anno di sponsorizzazione dell’omonimo team ciclistico.  Tra un anno si conclude quindi l’impegno ciclistico del main sponsor del team più costoso del ciclismo moderno. Sarà un doppio ritiro visto che anche la 21st Century Fox lascerà il team dal primo gennaio 2020. Il team continuerà a correre con un’altro nome sempre se un nuovo investitore deciderà di avventurarsi nel […]

Condividi

Direct Energie al Giro102

Il Team francese mira ad ottenere una Wild Card per il prossimo Giro d’Italia. Il tecnico Dominique Arnould, in una intervista concessa a Cyclism’Actu dice: “E’ vero, ci siamo candidati ad una wild card. Ora stiamo aspettando una risposta definitiva. Abbiamo  23 corridori in organico, è normale per noi puntare a disputare due grandi giri. Oltre al Tour de France ci piacerebbe correre il Giro, altrimenti ci concentreremo di più […]

Condividi

Martinello e Pancani: errore in TV

Nella tappa del Tour de France, che si è conclusa in cima all’Alpe d’Huez, abbiamo assistito tutti ai comportamenti deplorevoli tenuti da chi seguiva la corsa lungo i tornanti dell’ascesa finale. Tra fumogeni, mani allungate, gente che correva a fianco ai corridori sino a farli cambiare di direzione, abbiamo vissuto la caduta di Vincenzo Nibali. A caldo i due bravissimi cronisti hanno attribuito la responsabilità della caduta alle moto della […]

Condividi

Il Tour de France 2018 – cosa ricorderemo?

Domenica 29 luglio si è concluso a Parigi il Tour de France  2018 con la vittoria di Geraint Thomas Cosa ricorderemo di codesto evento mediatico e sportivo mondiale? La prima settimana, a dire di molti, ha regnato la noia in tutte le tappe eccetto l’ultimo chilometro. Molte sono state le fughe di giornata, volute e prontamente annullate a pochi chilometri dal traguardo. Il gruppo si animava solo  in vista della […]

Condividi

Il mio Hautacam

Ai piedi dei Pirenei c’é Lourdes, non solo una spettacolare meta di pellegrinaggi che conta circa 6 milioni di fedeli l’anno, ma anche una cittadina in posizione strategica per appassionati di ciclismo. A meno di 30 km vi è la cima dell’Hautacam, a 55 km c’è la vetta del Tourmalet e un po’ più in là il Col d’Aspin e il Col d’Ausbique sul versante opposto. Su queste salite i campioni […]

Condividi